Login
Utente

Password



Recupera Password
Utenti in linea
· Ospiti in linea: 12

· Iscritti in linea: 1
time101cv

· Totale iscritti: 1,669
· Benvenuto a: mssimiliano1977
Immagine
> Buick > Buick Electra 225 Custom Convertible << >>
buickelectraprincemax20140703.jpg
Anno n.c., targhe ZA in formato europeo (PrinceMax).

Data: 05/07/2014
Commenti: 5
Visualizzazioni: 1172
Commenti
#1 | Markino il 04/07/2014 09:25:39
Tra i numerosi marchi USA, ho una particolare predilezione per le Buick, vetture di fascia alta collocate nella gerarchia General Motors appena un gradino sotto la Cadillac, e rivolte, come proclamato dagli slogan coniati dal Gruppo negli anni '20 per identificare le fasce di clientela, "a chi vuole sfondare".
Le Buick che più mi appassionano sono quelle costruite tra la 2a metà degli anni '30 e il 1970, e i loro punti di forza sono un design di eccezionale impatto, capace di combinare mirabilmente eleganza e sportività, una costruzione tradizionalmente molto accurata e un lusso evidente ma non sfacciato come sulle Cadillac, marchio del quale non sono un fanatico.
La foto ritrae una splendida versione "Convertible" del modello top di gamma, appunto la Electra 225, incarnata nell'edizione 1968. Notare la fanaleria posteriore sottile e molto estesa, che crea un particolare effetto ad incastri con l'acciaio dei vistosi paraurti, l'onda sinuosa che increspa l'intera fiancata, felice scelta stilistica delle Buick della 2a metà del decennio '60, uno dei più fertili della storia del design a stelle e strisce, e gli immancabili "ventiport" in una delle loro infinite metamorfosi, ossia compressi in un sottile rettangolo, in numero di quattro ad esprimere il modello più lussuoso. Tale scelta risaliva al 1949, periodo a partire dal quale praticamente tutti i ragazzi americani impararano che quattro di questi decori, all'epoca circolari, erano appannaggio delle lussuose "Roadmaster", e soltanto tre contraddistinguevano le "Special" e le "Super" Smile
#2 | bob91180 il 04/07/2014 11:26:27
Motorizzazione V8 , 7 litri ...
#3 | PrinceMax il 04/07/2014 12:24:44
La cosa particolare è che era guidata da una giovane mamma con due bambini piccoli, al pari di una qualsiasi comune Punto! Shock
#4 | gabford il 04/07/2014 17:51:39
Bell'avvistamento anche questo Smile. Per il MY '68, la denominazione completa dovrebbe essere Electra 225 Custom Convertible.
#5 | Markino il 04/07/2014 18:17:19
Un appassionato delle mie parti possiede una meno lussuosa Le Sabre Convertible bianca, MY '67; inoltre, alla fiera di Padova del 2010 era esposto un esemplare identico a questo postata, con targhe ZA/WA.
Le americane importate sul nostro suolo, spesso prelevate dagli Stati con il clima più favorevole, a partire dalla California, cominciano ad essere piuttosto numerose.
Scrivi commento
Per scrivere un commento devi essere registrato