Login
Utente

Password



Recupera Password
Utenti in linea
· Ospiti in linea: 12

· Iscritti in linea: 0

· Totale iscritti: 1,681
· Benvenuto a: arimart
Immagine
> Lada > Lada Niva 1600 << >>
ladanivaalessio20140819.jpg
Anno 1981 (Alessio3373).

Data: 20/08/2014
Commenti: 14
Visualizzazioni: 2164
Commenti
#1 | doc01 il 20/08/2014 10:00:27
Splendido e duraturo! Se ne vedono sempre meno, anche delle versioni piu' "aggiornate"
#2 | Alex147ts il 20/08/2014 11:51:55
Mai vista a targa nera... mezzo validissimo, l'aveva un mio prozio fino al 2002, la sua era di fine anni '80.. ovviamente con il 1.6 derivato Fiat, consumava come un tir, ma andava ovunque Wink
#3 | Total III il 20/08/2014 18:16:03
Al tempo della targatura arrivava in quantitativi piuttosto limitati, eppure cominciava già ad essere diffusa, specie al nord. Non bella ma simpatica e rassicurante - grazie anche all'aspetto da 127 vitaminizzata! - meccanica robusta e ben conosciuta dai meccanici nostrani anche se estremamente assetata. Non a caso le ultime serie della Niva potevano essere ordinate con l'impianto GPL montato dalla fabbrica.... Grin
#4 | deltago92 il 20/08/2014 20:04:14
aspetto da 127 vitaminizzata!

Proprio oggi ne ho incrociata una a targhe europee, e vedendola arrivare mi sembrava un'A112 rialzata Pfft
#5 | Alex147ts il 20/08/2014 20:51:55
la facevano anche diesel 1.9 TD, e a metano Wink
Poi dal 2002 mi pare, solo 1.7 MPI benzina, oppure benzina + GPL.
Ora qualche concessionario continua ad importarle... di recente ho visto la versione con motore Euro 5, ABS e luci di marcia diurne a led!!! Però rimane la spartanità della vettura: niente vetri elettrici e niente climatizzatore Grin Anche se in passato qualche raro esemplare ne era dotato... Wink
Resta comunque una vettura che mi ha sempre incuriosito, peccato solo per il prezzo.. quella nuova con GPL viene circa 15.000€, troppi per una vettura così spartana... nono
#6 | gabford il 20/08/2014 22:16:07
rimane la spartanità della vettura

Una decina d'anni fa, scendendo dal divano posteriore di un esemplare a targhe bianche, ci rimisi un paio di pantaloni che ebbero un incontro poco gentile con il meccanismo dello schienale del sedile anteriore Grin
#7 | Faby e Francy 4ever il 21/08/2014 14:01:02
Questa è la Niva di mio zio del 1987,purtroppo ferma da 4 anniSad si aspetta il momento buono per aggiustarla.
i57.tinypic.com/zydkoz.jpg

i61.tinypic.com/nnp113.jpg
#8 | Faby e Francy 4ever il 21/08/2014 14:09:53
Nei modelli recenti è stato almeno aggiunto il servosterzo
#9 | Alex147ts il 21/08/2014 18:23:40
si... servosterzo e ABS.. e ora anche le luci di marcia a led..

Una decina d'anni fa, scendendo dal divano posteriore di un esemplare a targhe bianche, ci rimisi un paio di pantaloni che ebbero un incontro poco gentile con il meccanismo dello schienale del sedile anteriore

mamma mia!! Immagino le bestemmie!!! La Niva era assemblata alla meno peggio, le finiture erano di bassissimo livello.. ma nel complesso era una vettura piuttosto robusta Wink
#10 | deltago92 il 21/08/2014 20:14:59
Questa è la Niva di mio zio del 1987

Speriamo in un ripristino. Comunque qui vedo che sono presenti i tergifari, in Italia c'erano solo sulle auto di un certo livello. Noto solo ora che il logo anteriore è simile a quello Fiat della 500 L (o 128, 127, ecc. ) . Smile
#11 | IL BUE il 21/08/2014 20:41:54
Se ti leggi la storia della Lada (Vaz nel loco di nascita) scoprirai il perchè di quello stemma!
#12 | Faby e Francy 4ever il 21/08/2014 21:00:38
Penso che questi accessori siano stati fatti montare da mio zio dopo l'acquisto Smile La vettura aveva già 8 anni di vita.
#13 | Faby e Francy 4ever il 22/08/2014 15:11:27
#14 | deltago92 il 22/08/2014 20:18:02
Se ti leggi la storia della Lada (Vaz nel loco di nascita) scoprirai il perchè di quello stemma!

Credi che non lo sappia? Grin All'epoca Quattroruote provò la Zhigulì (mi pare con targa belga ) ed i risultati furono molto simili a quelli della 124 nostrana, nonostante la versione russa fosse stata modificata per il clima e le strade nordiche. La mia curiosità stava nel fatto che anche sulle Niva più recenti il fregio fosse rimasto sempre lo stesso.
Scrivi commento
Per scrivere un commento devi essere registrato