Login
Utente

Password



Recupera Password
Utenti in linea
· Ospiti in linea: 23

· Iscritti in linea: 1
Frabo187

· Totale iscritti: 1,668
· Benvenuto a: zt_oldcarsita
Immagine
> Dodge > Dodge Coronet 2-door Sedan << >>
dodgecoronetcasamini20150131.jpg
Anno 1959, targhe ZB (Casamini).

Data: 01/02/2015
Commenti: 21
Visualizzazioni: 1587
Commenti
#1 | time101cv il 31/01/2015 10:31:25
www.targhenere.net/images/001/image_35_zpsnq8fqh85.jpg
(foto "Casamini" )
#2 | Uno Turbo D il 31/01/2015 11:25:37
Ahi ahi, roba grossa in tutti i sensi, Casamini Cool
#3 | PrinceMax il 31/01/2015 11:53:32
È una quarta serie, prodotta dal 1957 al 1959. Il nome "Coronet" verrà riproposto alcuni anni dopo (1965) dalla stessa Dodge per commercializzare una vettura mid-size derivata dalla Dodge Polara seconda serie.
Avvistamento superlativo Federica, automobile di un fascino e di una maestosità unici. Smile
#4 | Markino il 31/01/2015 12:28:42
Coronet: un nome che compare spesso nella produzione Dodge. Sono Coronet molte delle Patrol Car che abbiamo visto in decine di pellicole e telefilm degli anni '70, non di rado schiantate rovinosamente, ancorché in un involucro semicomico, come nella serie "Hazzard". Sono Coronet le stupende berline e coupé della 2a metà degli anni '60 citate da Max, queste ultime sostanziali alter-ego delle stesse Charger, alle quali erano molto simili tanto nella linea quanto nella rabbiosità (versioni R/T, 500, Super Bee). Completando infine il percorso a ritroso, la Coronet attraversa l'intero decennio '50, arrestandosi momentaneamente proprio con questo modello, qui materializzato in un esemplare 2 doors in splendide condizioni, di fresca importazione.
I miei complimenti più vivi a Federica, sia per il soggetto che per l'ottima prospettiva frontale, non possono farmi dimenticare che siamo in presenza, come già accennai in altro commento, di uno dei peggiori esempi del famoso styling di fine decennio. Le vetture Chrysler (che all'epoca comprendevano anche il marchio De Soto, soppresso nel 1961) furono completamente ridisegnate per i modelli 1957 dal celebre stilista Virgil Exner, anticipando notevolmente la concorrenza (specie GM) sul terreno di silhouette basse, larghe e tese, funzionali anche a nuove sospensioni anteriori a barre di torsione. Mentre nelle Plymouth l'adozione di pinne ben integrate nella carrozzeria completava l'opera, giustificando il famoso slogan "Improvvisamente è il 1960!", nelle Dodge tale elemento risultava assai meno felice, quasi posticcio, ed il design di questo marchio risultò il meno riuscito del Gruppo. L'esasperazione dello stile in cui tutta l'industria americana fu coinvolta terminò, nei modelli '59, con i risultati qui visibili, già prefigurati in varia misura nelle serie precedenti: un grottesco frontale sormontato da enormi palpebre curve, e tormentate pinne che sembravano appoggiate sulla carrozzeria anziché librarsi gradualmente in aria, e si arrestavano prima della conclusione della coda, lasciando la scena finale a fari lunghi come siluri. Dopo una buona performance delle versioni '57, che confermavano la reputazione della Dodge come marchio ad alte prestazioni, le vendite calarono bruscamente l'anno successivo, riprendendosi blandamente nel 1959. Sicuramente giocò il suo ruolo la recessione del 1958, ma molto fecero anche una qualità costruttiva poco soddisfacente negli stessi modelli '57, e il peggioramento delle linee, trattandosi di vetture troppo pacchiane persino per quei tempi.
Per gli anni '57-'59, la gamma era articolata, a salire, nelle serie Coronet, Royal e Custom Royal. Sulla "economica" Coronet erano offerti propulsori a 6 cilindri da 3,8 lt. e 8V da 5,3 lt., spesso abbinati alla trasmissione automatica Torqueflite; i motori 8V 5,9 lt. e 6,3 lt. erano appannaggio delle versioni superiori, se non ricordo male.
Vettura interessante in quanto rappresentativa di un snodo cruciale del motorismo USA, ma, per parte mia, non la acquisterei mai.
#5 | Casamini il 31/01/2015 13:15:28
Smile grazie
#6 | peppecantarella il 31/01/2015 14:53:51
Che bella! soprattutto l'anteriore, dietro, quelle pinne, possono sembrare eccessive, ma è lo stile statunitense di quegli anni, ... non certo Pininfarina o Bertone o Zagato ...
#7 | gabford il 31/01/2015 16:34:07
Nel caso specifico, ci troviamo di fronte a una 2-door Sedan.
La livrea bicolore Ruby-Pearl dovrebbe essere corretta. Esisteva anche una versione (disponibile in tutte le configurazioni - 2 porte, 4 porte e convertibile) denominata "Lancer", caratterizzata, per quanto riguarda l'hardtop, da un padiglione più corto e dall'assenza del montante laterale.

la gamma era articolata, a salire, nelle serie Coronet, Royal e Custom Royal. Sulla "economica" Coronet erano offerti propulsori a 6 cilindri da 3,8 lt. e 8V da 5,3 lt.

Lo slogan per la Coronet MY 59 recitava: "Il tuo invito low-cost al lusso motoristico" Smile.
#8 | Casamini il 31/01/2015 21:48:03
Se volete altre foto ve le posso postare. Interni, motore...
#9 | Markino il 31/01/2015 21:53:39
Per quanto mi riguarda, volentieri; scegli tu le più rappresentative.
Beccata in giro per caso, o appartenente ad un amico o conoscente ?

Ne approfitto per aggiungere un mio scatto di un esemplare Station Wagon, versione Sierra Custom Spectator, fotografato nel 2010 al maxi raduno svizzero di Oensingen (SO):

i38.photobucket.com/albums/e128/markino1969/IMG_5781-Copia_zps35a39dd0.jpg
#10 | Casamini il 31/01/2015 22:21:44
L'ho beccata in giro per poi scoprire che è di un parente. Se volete gli chiedo di fotografarla meglio anche perché ne è molto orgoglioso. Smile sapevo che possedeva una macchina americana ma... trovarsela nel parcheggio...Ha dovuto parcheggiarla di traverso. è davvero grande.
#11 | Markino il 31/01/2015 22:26:46
Una bella documentazione fotografica, specie se di vetture particolari ben conservate o restaurate, è sempre molto preziosa.
Quanto alle dimensioni, vado a memoria, dovremmo essere oltre i 5,3 mt. di lunghezza, e oltre 1,9 di larghezza.
#12 | Casamini il 31/01/2015 22:28:46
Ok chiedo e vi faccio sapere.Cool
#13 | Casamini il 05/02/2015 15:10:51
i1295.photobucket.com/albums/b633/roversifederica/EDE07500-ACB0-442D-AA3C-64FA3B8C3F80_zpshmxrhv0i.jpg
#14 | Casamini il 05/02/2015 15:11:32
i1295.photobucket.com/albums/b633/roversifederica/E084C54A-AFA2-4B13-8FF7-7D8406AD3E5B_zpsjy4kkntm.jpg
#15 | Casamini il 05/02/2015 15:12:16
i1295.photobucket.com/albums/b633/roversifederica/650F6CCE-1DC2-49B1-A11F-B24CBB73F247_zpsieb6svy1.jpg
#16 | Casamini il 05/02/2015 15:12:52
i1295.photobucket.com/albums/b633/roversifederica/8AB1E91B-AD4D-4C9F-ABEB-299F9AFD7F7D_zpsfedi6k8e.jpg
#17 | Casamini il 05/02/2015 15:15:32
i1295.photobucket.com/albums/b633/roversifederica/010ACF44-27B9-4E01-AA14-DFE63FCCE099_zpstkr28qt1.jpg
#18 | Casamini il 05/02/2015 15:16:20
i1295.photobucket.com/albums/b633/roversifederica/9E0ABA97-DF39-472A-947F-B70E0BD8F200_zpstzhmuns1.jpg
#19 | Markino il 05/02/2015 15:26:10
Molto ben fatto Smile
Tachimetro orizzontale in miglia, ovviamente.
#20 | Themarcello il 05/02/2015 16:35:51
Bel reportage!
Curioso il cambio comandato a pulsanti sulla sinistra...
#21 | Markino il 05/02/2015 16:37:56
Curioso il cambio comandato a pulsanti sulla sinistra...

Una mania di fine anni '50.
La Ford, sulla nuova Edsel, lo chiamò "Teletouch"; i comandi erano raccolti al centro del volante Shock
Scrivi commento
Per scrivere un commento devi essere registrato