Login
Utente

Password



Recupera Password
Utenti in linea
· Ospiti in linea: 14

· Iscritti in linea: 2
time101cv, Astrale

· Totale iscritti: 1,669
· Benvenuto a: mssimiliano1977
Immagine
> Altre - Giapponesi > Subaru 1800 SW << >>
subaru1800swpolar20170613.jpg
Anno 1983 (polar).

Data: 13/06/2017
Commenti: 16
Visualizzazioni: 1806
Commenti
#1 | time101cv il 13/06/2017 07:50:50
La targa è "BO A1"

www.targhenere.net/images/006/img20170514wa0001_zpskrncbesd.jpg
(foto "polar" )
#2 | atae21 il 13/06/2017 08:46:08
Mai passata per la testa l'idea di riprendere un po' la carrozzeria di questa rarità, prima che si conciasse a questo modo? Frown Ne ricordo tante nella vicina (per me) Svizzera, anche in versione berlina 2 e 3 volumi. In Italia invece è stata una scelta un po' "snob" proprio in quei primi anni 80, dov'era tra le preferite della rivista "Auto Capital", molto attento alle tendenze e alle mode del periodo. Wink
#3 | oinotna il 13/06/2017 09:33:56
Targa scolorita, speriamo che in sede di revisione non facciano storie, sarebbe un peccato, vista la rarità del modello!
#4 | Biturbo83 il 13/06/2017 10:27:03
Eh si grande rarità...complimenti!
Meriterebbe cura se non altro per questo; l'ho sempre associata alle auto Talbot...
#5 | peppecantarella il 13/06/2017 11:06:44
Malridotta, viene da pensare ad Aldo Giovanni e Giacomo ed alla loro Subaru Baracca ROTFL
#6 | vivi61 il 13/06/2017 12:42:04
Tenuta maluccio,peccato...In quegli anni si diceva spesso"lasciate perdere le Fiat che marciscono , meglio andare sulle giapponesi "ROTFLROTFL
#7 | FeDeesse il 13/06/2017 13:16:02
si, ma questa è marcita dopo 30 anni, non dopo 6 o 7...
#8 | bob91180 il 13/06/2017 13:40:57
Puo' essere che sia rimasta ferma alcuni anni con il posteriore scoperto ...
#9 | amonks il 13/06/2017 15:57:39
Ricordo anche io qualche esemplare "ticinese", ma sinceramente se non fosse stato per questa foto non l'avrei mai più ricordata questa vettura. Non mi fa impazzire, tantomeno in queste condizioni, ma considerata la rarità spero venga preservata.
#10 | 1600 GT il 13/06/2017 17:58:20
La parte anteriore ancora regge, dunque propenderei per la tesi di Bob, ossia che avrà "dormito" per anni con la parte posteriore scoperta.
Vettura già poco diffusa ai tempi e che adesso è praticamente estinta, almeno dalle mie parti.
Disarmonica esteticamente questo si, tuttavia ha un suo perché.
#11 | vivi61 il 13/06/2017 19:15:18
FeDeesse,non credo che sia marcita da un giorno all altro,qui è già un pò che la ruggine lavora e poi le Fiat rugginose erano quelle degli anni 70,quelle successive,ed io ne ho avute parecchie,non mi pare che fossero dei "marcioni"
#12 | Transaxle73 il 13/06/2017 21:43:27
Un'Alfa coeva sarebbe già polvere, questa Subaru tutto sommato regge ancora.
#13 | Biturbo83 il 13/06/2017 22:12:03
Diciamo che comunque ho visto di meglio come protezione alla corrosione, anche di italiano e più vecchio.
Forse questa non è stata tenuta, almeno esteticamente con la diligenza del buon padre di famiglia; forse era solo un mezzo pratico di lavoro, oppure più probabilmente ha avuto diversi passaggi di mano, visto che da nuova non era per tutti e anche di nicchia.
#14 | polar il 14/06/2017 00:34:45
Purtroppo è rovinata dappertutto, forse dalle foto non si percepisce la gravità della situazione, direi che giace all'esterno da anni. Un vero peccato, bella o non bella è pur sempre una delle prime vetture sw a trazione integrale
#15 | vivi61 il 14/06/2017 14:27:36
L Alfetta nel gruppo di oggi ha gli stessi anni della Subaru di cui sopra e non mi sembra polvere,anzi è in perfetta forma,ovviamente dipende dall uso che ne è stato fatto e da come è stata tenuta
#16 | Markino il 21/06/2017 00:38:24
ovviamente dipende dall uso che ne è stato fatto e da come è stata tenuta

Nota metodologica che sottoscrivo, pur sapendo perfettamente che le auto non sono tutte realizzate allo stesso livello qualitativo. Nel tempo, è esistita una vasta porzione di clientela FIAT abituata a trattare con cura non esattamente certosina la propria vettura, e lo stesso è accaduto alle Alfa Romeo quando venivano immesse nel circuito dell'usato; non c'era poi da stupirsi troppo se molte di esse, dopo 8-10 anni, si ritrovavano allo stato di mezzi rottami. Certamente, la stessa disattenzione avrà riguardato anche auto di altri marchi stranieri "popolari", ma non mi pare che le poche Renault o Ford ultratrentennali superstiti e "conservate" presentino mediamente condizioni molto migliori - o molto peggiori - delle FIAT "conservate" coeve. Tralalasciando casi estremi come le prime "Alfasud", arrugginite in fretta perché rimaste nelle vasche di verniciatura durante gli scioperi, direi che si vede un po' di tutto, e la variabile umana è talmente determinante che ogni vettura finisce per fare storia a sé stante.
Considerazioni che valgono anche per la Subaru "Wagon 4WD", modello che ho sempre apprezzato, da cui la speranza - temo vana - che questo raro esemplare italiano non vada perduto: in via tipico-ideale, si stenta ad associare masse di ruggine ad una giapponese di quest'epoca - quando gli Stati Uniti, mercato molto selettivo per quanto riguarda la qualità, costituivano già una piazza fondamentale d'esportazione per il Sol Levante - ma vai a sapere cosa è accaduto a questa macchina durante i suoi 34 anni di vita...
Scrivi commento
Per scrivere un commento devi essere registrato