Login
Utente

Password



Recupera Password
Utenti in linea
· Ospiti in linea: 8

· Iscritti in linea: 0

· Totale iscritti: 1,670
· Benvenuto a: Spotted_in_BA
Immagine
> Altre - U.K. > Hamblin Super Two << >>
hamblinsupertwothemarcello20180113.jpg
Anno 1961, targhe europee del 2015 (Themarcello).

Data: 13/01/2018
Commenti: 2
Visualizzazioni: 833
Commenti
#1 | time101cv il 13/01/2018 09:12:17
www.targhenere.net/gallery2/wp-content/uploads/2018/01/faz-2.jpg
(foto "Themarcello" )
#2 | Markino il 13/01/2018 10:08:35
Barchetta Sport britannica tipo "Siluro" con motorizzazione Ford, credo di 1,5 lt., della quale non so molto altro; con tutta probabilitÓ, Ŕ la stessa che ha partecipato alla corposa edizione dell'ASI Auto Show del 2016, organizzato a Torino per il 50░ anniversario della fondazione dell'ente, della quale ho ammirato la tappa finale, presso la splendida cornice dei giardini della Reggia di Venaria; in quella circostanza, sfoggiava la targa inglese LFF xxx.
Non Ŕ affatto male, e un occhio poco smaliziato potrebbe tranquillamente scambiarla per una delle tante barchette italiane del periodo aureo. Ma, appunto, quelle appartengono alla tradizione italiana, e per un appassionato di tale genere dovrebbe essere naturale ricercarne una, dato che le "nostre" barchette hanno scritto pagine gloriose ed irripetibili del motorismo e delle competizioni, frutto come sono di un diffuso know how nella meccanica estremamente fertile negli anni '40 e '50, al quale si accompagnava un'eccezionale sensibilitÓ estetica (difficile trovare barchette italiane stilisticamente indigeste, pur essendo in questi casi la linea totalmente asservita alla funzione). Certo, spesso costano parecchio, essendo esemplari unici iscrivibili alla Mille Miglia, e, nel tempo, hanno preso quasi tutte la via dell'estero (spaventoso il flusso verso Olanda e Belgio, paesi la cui popolazione, sommata, non raggiunge 1/3 di quella italiana, ma non sono da meno Germania, Giappone e Stati Uniti). Qui, per scarsitÓ di risorse, di cultura e sensibilitÓ motoristica, o per entrambe i motivi, ci si arrangia con questi "succedanei" (non Ŕ affatto l'unico esempio). Un quadro che trovo assai deprimente.
Scrivi commento
Per scrivere un commento devi essere registrato