Login
Utente

Password



Recupera Password
Utenti in linea
· Ospiti in linea: 13

· Iscritti in linea: 1
gabford

· Totale iscritti: 1,563
· Benvenuto a: Enricovale03
Immagine
> BMC/Leyland - Altri modelli > Austin Maxi 1500 << >>
austinmaximc12720200120.jpg
Anno 1971 (Mc 127).

Data: 20/01/2020
Commenti: 34
Visualizzazioni: 1456
Commenti
#1 | neim4 il 20/01/2020 07:39:06
E questa?!Shock
#2 | astraG il 20/01/2020 08:25:05
Chi avrebbe detto ve ne fosse una italiana!!.
Più unica che rara nel vero senso della parola.
Complimenti all' avvistatore.
#3 | oinotna il 20/01/2020 09:12:04
Mi stupisce fosse regolarmente in vendita, ma mi stupisce di più che qualcuno l'abbia comprata! Smile
#4 | atae21 il 20/01/2020 09:24:33
Pazzesca! Shock Una delle poche che vidi dal vero (forse l'unica) fu una "1800" colore bordeaux, qui nel (per me) vicino Canton Ticino, comunque con targhe svizzere. Una macchina per individualisti, con una linea a mio parere piuttosto disarmonica e con le rognose sospensioni Hydralastic. Passo lunghissimo che favorisce una abitabilità interna da guinnes per la categoria. Insomma, sarà quel che sarà ma io, da amante delle curiosità, me la porterei subito via da lì! Grin Ultima considerazione: non sono gli stessi ma la forma dei fanali posteriori mi ricorda la Peugeot 204/304 Break.
#5 | Frabo187 il 20/01/2020 10:07:23
E per di più con targhe originali, pazzesca!
#6 | Neeskens78 il 20/01/2020 10:16:55
Giusto ieri, ad un mercatino, ho preso alcuni Quattroruote anni '70 tra i quali quello con la prova della Regent e mi immaginavo cosa spingesse a comprare quel tipo di vettura.... ma questa!?!
#7 | ARGiuliasuper il 20/01/2020 10:30:23
Su di un libro che mi è stato regalato anni fa è inserita tra le auto più brutte della storia. La scelta di riciclare componenti della Austin 1800 ha concorso alla realizzazione di una vettura troppo bassa, larga e lunga. Sembra l'esito di una foto troppo stretchata. Sicuramente è ben lontana dal design italiano. Avvistamento eccellente.
#8 | berto88fi il 20/01/2020 10:43:19
Non ho parole... vista raramente solo in vecchi film, ovviamente non italiani.
#9 | Nathan il 20/01/2020 11:12:03
Veramente incredibile. Mai vista una dal vivo, e mai mi sarei aspettato ce ne fosse una ancora circolante!
Markino, hai per caso disponibili i dati di vendita di questo modello? Sono davvero curioso, non saprei stimare quanti esemplari possano essere stati immatricolati nuovi in Italia..Shock
#10 | Super207 il 20/01/2020 12:53:21
Austin Maxi più sfortunata.

i.postimg.cc/Xqwkg3fw/12622518-10208904903246277-2664992736289925178-o.jpg

i.postimg.cc/T2m0xjzp/12628472-10208904938527159-4302596519609956875-o.jpg
#11 | ARGiuliasuper il 20/01/2020 13:05:25
Credo che sia stato sempre difficile venderla.
#12 | Alfa33 il 20/01/2020 14:31:34
A volte spunta fuori ciò che sembrava impossibile avvistare.
Ultimamente mi sto interessando un po' delle berline inglesi, questa però mi era sfuggita totalmente, non ricordavo l'esistenza!.
Suppongo sia rimasta per poco nei listini italiani, credo anche che fosse costosa.
Complimenti all' avvistatore ed al proprietario.
#13 | Neeskens78 il 20/01/2020 14:36:22
Praticamente è il frontale della mini clubman...
#14 | tonymura il 20/01/2020 15:22:29
Avvistamento pazzesco e ignoravo l'esistenza della maxi 1500. Beh a dire il vero l'avevo scambiata per la regent/allegro prima di aprire la foto. Notevole anche l'altro esemplare più sfortunato abbandonato. Sarebbe sicuramente da proporre come fonte di ricambi. È scontata per la maxi l'enorme difficoltà nella reperibilità dei ricambi.
#15 | polar il 20/01/2020 15:56:59
E' l'omologa dell'Innocenti J4/Im3? Erano in commercio nello stesso periodo?
#16 | mikitiki94 il 20/01/2020 16:04:58
La fiancata della 1800, il frontale della Clubman... In pratica la Maxi riuniva in un solo veicolo gli elementi stilistici più criticati degli altri modelli BMC. Per contro doveva essere un'auto molto comoda e spaziosa, quindi poteva contare su una piccola platea di clienti per nulla interessati all'estetica.
Ho visto su Facebook la foto di un altro esemplare, blu, con targa MI K3, non più asicurato né revisionato, ma forse accantonato in qualcge magazzino in attesa di tempi migliori.
Non ho trovato, invece, nemmeno una foto di una Austin/Morris 1800 con targhe italiane. Comincio a sospettare che non ne abbiano immatricolata neppure una.
P.S la macchina accanto alla Maxi abbanonata é una ARO?
#17 | polar il 20/01/2020 16:14:02
P.S la macchina accanto alla Maxi abbandonata é una ARO?

Secondo me sì, me lo stavo chiedendo anch'io
#18 | blackboxes66 il 20/01/2020 17:23:14
E' l'omologa dell'Innocenti J4/Im3? Erano in commercio nello stesso periodo?

No, le Innocenti erano derivate dalle 1100/1300, più piccole e assai più riuscite esteticamente. La Maxi non ha mai avuto una versione italiana.

la macchina accanto alla Maxi abbandonata é una ARO?

Sì.
#19 | 1600 GT il 20/01/2020 17:47:39
Sembra una brutta copia allungata delle Innocenti J4/IM3 in effetti. Sentita nominare si, vista dal vivo mai, ma non pensavo che fosse importata qui in Italia. Avvistamento davvero strabiliante.
#20 | peppecantarella il 20/01/2020 18:03:38
Guardando la miniatura della homepage, avevo pensato, in un primo momento, alla Peugeot 204 Break, ingannato soprattutto dalla foggia dei trasparenti posteriori
#21 | mariano il 20/01/2020 18:07:22
Auto alquanto curiosa ma dal design decisamente pessimo, penso che in Italia ne abbiano vendute poche centinaia (credo fosse importata da Bepi Koelliker come molte altre Inglesi dell'epoca).
Al giorno d'oggi avvistamento eccezionale, sopratutto in queste condizioni usurate ma non pessime: Molto interessante anche quella abbandonata postata dal grande Super207. Wink
#22 | neim4 il 20/01/2020 19:15:53
Guardando la miniatura della homepage, avevo pensato, in un primo momento, alla Peugeot 204 Break, ingannato soprattutto dalla foggia dei trasparenti posteriori

Idem
#23 | Super207 il 20/01/2020 19:39:59
#16 | mikitiki94 il 20/01/2020 15:04:58
P.S la macchina accanto alla Maxi abbanonata é una ARO?


Si è un altrettanto rarissima ARO
#24 | Alfa33 il 20/01/2020 19:56:56
Sto consultando il Quattroruote dell’Aprile 1971; La “Maxi 1500 berlina” era proposta a 1.450.000 Lire, per fare un paragone, una Fiat 125 costava 30.000 Lire in più.
Volendo, la “Maxi”era disponibile anche con motore 1750, quest’ultima motorizzazione fu protagonista di una “impressione di guida” sul fascicolo del Novembre 1970, che non ho ancora nella mia collezione.
Per quanto riguarda i dati di vendita, nei primi undici mesi del 1970 il modello totalizzò 102 unità.
Pensavo che i numeri fossero ancora più bassi.
#25 | mikitiki94 il 20/01/2020 20:03:04
Sto consultando il Quattroruote dell’Aprile 1971

Scusa se ne approfitto, ma puoi vedere quali erano gli altri modelli Morris e Austin presenti in quel listino?
#26 | Alfa33 il 20/01/2020 20:20:59
Per quanto riguarda il marchio Austin, a listino era presente solo la Maxi.
Morris invece, disponeva della Mini, le 1300 Traveller e GT e la 1800 MK II S berlina.
#27 | mikitiki94 il 20/01/2020 20:48:32
Grazie dell'informazione. Strano che la 1300 fosse disponibile solo come Traveller e GT, forse volevano evitare la concorrenza con le versioni Innocenti. Non mi sarei mai aspettato, invece, che fosse venduta ufficialmente la 1800... immagino che l'abbiano comprata in pochi.
#28 | mariano il 20/01/2020 21:21:33
Strano che la 1300 fosse disponibile solo come Traveller e GT, forse volevano evitare la concorrenza con le versioni Innocenti.


A quanto mi risulta, secondo gli accordi Austin/Innocenti, tutti i modelli venduti in Italia con marchio Innocenti non potevano essere venduti con marchio Austin/Morrsi (appunto le Mini con motori minori, e successivamente anche l'Allegro, venduta da noi come Innocenti Regent). Non escludo però che possano esserne arrivate alcune attraverso le molte importazioni parallele che c'erano all'epoca (nei paesi confinanti arrivavano con marchio originale). Wink
#29 | vivi61 il 20/01/2020 21:21:50
Esercizio di stile al contrario,farla più brutta penso fosse impossibile,però il pregio dello spazio interno lo aveva e magari non solo quello,voto per la simpatia 10,conoscendo i miei gusti sulle auto che più brutte sono e più mi attirano,se fossi stato maggiorenne all epoca della sua commercializzazione ,probabilmente ci avrei fatto un pensierinoROTFL
#30 | Markino il 20/01/2020 22:16:20
Avvistamento sbalorditivo, perfetto per la gran parte dei targaneristi, amanti delle vetture più strane, semisconosciute o comunque introvabili, possibilmente non "blasonate".
Progettata da Alec Issigonis, al quale deve un'impostazione meccanica tutt'altro che banale, e la soluzione escogitata già con la "Mini" delle ruote poste alle estremità del veicolo, per ottenere la massima abitabilità, qui esaltata dalle dimensioni generose; la linea può rivelare, nella sua relativa disarmonia, l'appartenenza a marchi britannici non d'alto rango, anche se si tratta di una "bruttezza" che può oggi affascinare, e che all'epoca poteva essere ignorata da quanti, come si è detto, attribuivano principale importanza all'abitacolo ampio e confortevole, ed al prezzo più che adeguato ai contenuti. Lascia peraltro stupiti che durante il lungo periodo di produzione, circa 12 anni, non furono apportati grandi aggiornamenti estetici. Il consuntivo di 450mila esemplari appare buono ma non eccezionale, considerato appunto l'arco di tempo in cui fu diluito, il segmento commerciale medio e l'appartenenza alla gamma del primo costruttore britannico, che peraltro, ritengo, ne esportò una quota modesta.
Non so fino a quando fu venduta in Italia, ma il magro bottino di un centinaio di pezzi l'anno già nel primo periodo non mi stupisce affatto; nella stessa tipologia, l'utente italiano poteva scegliere la Renault "16", il cui appeal
era ben superiore. L'esemplare blu scuro targato MI lo vidi anch'io tempo fa in qualche foto, mi pare acclusa ad un'inserzione - forse relativa ad altra vettura colta nello stesso piazzale - e ne rimasi incredulo; spero sia stato possibile preservarne a tutt'oggi l'integrità.
In patria, così come è stato per l' "Allegro", non credo ne siano sopravvissute più di 200 o 300.
#31 | mikitiki94 il 20/01/2020 23:34:47
non credo ne siano sopravvissute più di 200 o 300.

Ad occhio mi pare che siano circa 160:
https://www.howma...mit=Search
#32 | Marlon il 21/01/2020 23:42:57
Assolutamente incredibile, avvistamento che lascia stupefatti.
Non credo di averne mai vista una dal vivo, conosco sì e no il modello per averlo visto in fotografia…

mikitiki94, ma dove li scovi certi siti? GrinGrin
#33 | mikitiki94 il 22/01/2020 00:48:02
mikitiki94, ma dove li scovi certi siti?
Su internet Grin
Scherzi a parte, non ricordo dove trovai il primo link di "Howmanyleft", forse proprio in una discussione sul forum di Targhenere.
#34 | TanteUno il 22/01/2020 01:07:00
Trovo interessante il confronto tra questa Maxi e la Glas S 1004 Limousine pubblicata qualche giorno fa: due macchine con un impostazione stilistica agli antipodi, come oggi non siamo più abituati.

Vero che non sono contemporanee (la Glas è uscita di produzione un anno prima della nascita della Maxi, se non erro), però è impressionante la differenza nella vista laterale. Prendo due numeri da Wikipedia:

- Maxi: Lunghezza: 4032 mm - Passo: 2650 mm (66%)
- Glas: Lunghezza: 3835 mm - Passo: 2100 mm (55%)

Che differenza!
Scrivi commento
Per scrivere un commento devi essere registrato