Immagine

Mercedes 500 SE W126

mercedesw126marlon20180215.jpg
Anno 1984 (Marlon).

Data: 15/02/2018
Commenti: 8
Visualizzazioni: 854
Commenti
#1 | time101cv il 15/02/2018 08:36:47
La targa è "VR 68"
#2 | atae21 il 15/02/2018 09:40:17
Direi uno stupendo conservato! E con la sua prima targa, che non è poco. Mi viene in mente qualche industriale del Pandoro! Grin
#3 | Marlon il 15/02/2018 17:26:12
Era davvero splendida, mi ha dato l'idea di un'auto coccolata con cura da oltre trent'anni.
E mi ha fatto sorridere notare che nel 1984 anche un mezzo di questo livello non prevedesse di serie lo specchio destro Shock
#4 | atae21 il 15/02/2018 20:33:25
Hai ragione Marlon. E magari ha i vetri elettrici solo davanti, non ha fendinebbia né cerchi in lega. E, cosa che non ho mai compreso, mancano i poggiatesta posteriori (a meno che su questo modello erano già "ad abbattimento comandato" e in questo caso sono riposti nella cappelliera). In una berlinona così comoda e lussuosa, perché privare i passeggeri posteriori di un appoggio per il capo? Cosa che tra l'altro aveva di serie, ad esempio, la mia ben più modesta Solara SX nata nel 1980! Grin
#5 | blackboxes66 il 16/02/2018 09:36:11
Si pagava tutto a parte, persino i vetri atermici e le cinture posteriori! L'unico accessorio di serie erano i fendinebbia (sono inglobati nei gruppi ottici principali, nelle parabole interne, stessa soluzione adottata sulle W116, 123, 124 e 201). I poggiatesta posteriori, quando presenti, erano del tipo tradizionale, infilato nello schienale, ed erano regolabili in altezza ed inclinazione..
Unico difetto di questo stupendo esemplare è la mancanza della stella sulla mascherina.
#6 | KARL67 il 16/02/2018 22:53:50
e' vero, quando è uscita la 190, il modello a carburatori aveva la 5a marcia come optional, e, se non ricordo male, erano opzionali anche i vetri elettrici anteriori e il contagiri.
#7 | staff il 17/02/2018 10:58:37
Fino al 1984/85 il cambio a 5m era optional praticamente su tutta la gamma Mercedes, escluse come ovvio solo le versioni top con motori v8 abbinati esclusivamente al cambio automatico. Gli esemplari ordinati per il mercato italiano in gran parte ne furono equipaggiati, ma comunque era a pagamento. Poi, progressivamente, fu introdotto come dotazione standard.
#8 | Markino il 21/04/2018 22:23:40
Un design indifferente al fluire del tempo.
Esemplare splendido con motorizzazione importante, non certo frequente in un mercato come il nostro.
Scrivi commento
Per scrivere un commento devi essere registrato