Immagine

Ford Mustang Hardtop

fordmustangdeltago20200703.jpg
Anno n.c., targhe ZA in formato europeo (deltago92).

Data: 03/07/2020
Commenti: 10
Visualizzazioni: 721
Commenti
#1 | time101cv il 03/07/2020 09:19:09
www.targhenere.net/gallery2/wp-content/uploads/2020/07/ford_mustang_2.jpg
(foto "deltago92" )
#2 | Sauro il 03/07/2020 09:48:59
Secondo Ralph Nader (L'auto che uccide), auto decisamente instabile e col bordo del cofano pericoloso e tagliente come una lama. Ma come resisterle?
#3 | bob91180 il 03/07/2020 09:59:36
Identica a quella del mitico film di CLelouche con JLTrintignant ...
#4 | Sauro il 03/07/2020 10:08:08
Esiste anche un bellissimo modellino della Solido serie 100 tratto dal film... Aprendo le pontiere si illuminava l'interno...
#5 | hot VWs il 03/07/2020 10:21:04
Secondo Ralph Nader (L'auto che uccide), auto decisamente instabile e col bordo del cofano pericoloso e tagliente come una lama.

Sono più che sicuro che fosse la Chervolet Corvair e non la Mustang, Nader nel suo libro "Unsafe at any speed" criticò pesantemente la Corvair a tal punto che quando la Chevrolet nel 1965 presentò la seconda serie con nette migliorie il danno era fatto e nel 1969 fu cessata la produzione. A me come auto piace era estremamente innovativa per l'epoca, nella seconda serie poi c'era anche la versione turbo, ed era soprannominata la Porsche americana.
#6 | Transaxle73 il 03/07/2020 10:28:43
Ralph Nader criticò la Corvair come giustamente riportato da hot VWs.
#7 | Markino il 03/07/2020 10:35:01
Il report del celebre avvocato del Connecticut, stilato nel 1965, non riguardava però solo la "Corvair", il suo più noto bersaglio, bensì analizzava sotto il profilo della sicurezza e della compatibilità ambientale l'intera produzione automobilistica americana, quindi può essere benissimo che siano state colte criticità di altre vetture.
#8 | Sauro il 03/07/2020 10:52:40
Esatto. Letto tx più volte negli anni: è sempre una lettura appassionata! Consigliato!
#9 | Sauro il 03/07/2020 10:57:42
Analizza molti modelli... e nell'edizione italiana c'era anche un intervento di Mazzocchi... fondatore di Quattroruote. Sulla Corvair tratta la prima parte del testo mettendo in evidenza retrotreno, pneumatici, sterzo, sbilanciamento pesi e cruscotto, per le loro pericolosità...

Molto interessante tutta la parte processuale da leggere.
#10 | Markino il 04/03/2021 23:09:27
Generazione capostipite, un gran classico del collezionismo a stelle e strisce, sempre molto piacevole da vedere anche se oramai "inflazionata". I colori tenui rendono bene.
Potrebbe trattarsi di un MY '66, a giudicare dalla mascherina; non vedo il tipico fregio all'estremità del parafango che reca la cilindrata in pollici cubici, in genere "289".
Indicatori di direzione laterali a gemma applicati un po' ad capocchiam...
Scrivi commento
Per scrivere un commento devi essere registrato