Immagine

Ford Escort 1.4 Ghia Voyager

forescortswalfa3320230713.jpg
Anno 1987 (Alfa33).

Data: 13/07/2023
Commenti: 9
Visualizzazioni: 699
Commenti
#1 | time101cv il 13/07/2023 17:51:24
www.targhenere.net/gallery2/wp-content/uploads/2023/07/20230310_104304.jpg
(foto "Alfa33" )
#2 | mariano il 13/07/2023 21:13:08
Condizioni praticamente pari al nuovo, peculiarità estremamente rara da riscontrare su un'auto del genere!
#3 | prof il 14/07/2023 10:47:25
Che bello vedere un'auto del genere in perfetto ordine e totalmente conforme all'origine, anche se, come sembra, in uso regolare.
E' l'emblema di come si possa conservare con passione una vettura "umile", senza alcuna ambizione in chiave speculativa.
Auguro alla Tipo SW sullo sfondo della foto di anteprima un destino analogo.
#4 | Francesco240D il 14/07/2023 11:18:56
Io no...
Comunque ne stanno spuntando di Escort SW, mi fa piacere. Esemplare ottimo.
#5 | Biturbo83 il 14/07/2023 17:08:42
Prof, concordo. E anche sulla TipoSmile
#6 | Captain Midnight il 16/07/2023 13:48:03
Tra 30 anni si faranno gli stessi ragionamenti tra una sw contemporanea e la Tipo che sarà al posto di questa Escort.
Probabilmente ai tempi in cui era nuova qualcuna la guardava con disprezzo in favore delle auto anni 50.
#7 | mariano il 16/07/2023 17:56:18
Tra 30 anni si faranno gli stessi ragionamenti tra una sw contemporanea e la Tipo che sarà al posto di questa Escort.

Sei troppo fiducioso sul futuro, tra trent'anni per me non esisterà una sola auto concepita per essere utile a listino, solo suv elettrici...
#8 | Luka96 il 16/07/2023 18:21:56
solo suv elettrici...

Come le nuove Panda e 600, mi chiedo cosa gli sia saltato in mente di usare quei nomi per dei suv (o crossover, che sono dei mini suv alla fine)... Oltretutto sostituire la Panda che vende ancora alla grande grazie al prezzo basso, con un crossover più grande e che costerà sicuramente di più, la trovo una scelta inspiegabile anche sotto il profilo delle strategie aziendali e delle vendite...
#9 | time101cv il 16/07/2023 18:59:09
Il problema è che con le nuove normative Euro 7 non si riuscirà più a produrre piccole auto con motore a benzina in grado di rispettarle. O almeno piccole auto dai prezzi accettabili per quella fascia di mercato. Quindi le case sono di fronte ad un bivio: produrre piccole auto elettriche, che alla fine verrebbero a costare comunque di meno, oppure trasformare le "piccole" di oggi in vetture più grandi.
E' il paradosso delle normative antinquinamento: per rispettarle le case costruttrici devono produrre auto sempre più complesse e pesanti, che alla fine producono magari meno particolato, ma consumano più benzina.
Scrivi commento
Per scrivere un commento devi essere registrato