Immagine

Ford Anglia Torino

fordangliatoenea20130905.jpg
Anno 1968 (Enea).

Data: 06/09/2013
Commenti: 23
Visualizzazioni: 3302
Commenti
#1 | Alessio3373 il 06/09/2013 08:20:39
ShockShockShock
#2 | Markino il 06/09/2013 08:30:51
Shock
Dal vero, l'ultima volta la vidi da studente liceale, circa 25 anni fa, appena approdata da uno dei demolitori che perlustravo ogni tardo pomeriggio, nei pressi del porto di Sampierdarena. Costruita nella 2a metà degli anni '60 dalla O.S.I. - Officine Stampaggi Industriali - di Torino, e, mi pare, distribuita dalla rete ufficiale Ford, fu un tentativo poco fortunato di modernizzare un'auto, l'Anglia britannica, nata con un disegno effimero, ancorché, a mio giudizio, piacevole; nel caso della "Torino", il risultato fu opposto, dato che la vettura risultava piuttosto squadrata e anonima, ancorché non priva di una qualche eleganza per una "piccola". Devono sopravviverne ben poche; mai vista a un raduno, e temo che anche su questo esemplare malconcio sia ben difficile contare per un futuro collezionistico, salvo che incroci nel suo destino un estimatore del modello disposto a spendere parecchio, combinazione piuttosto ardua.
#3 | guerfranc76 il 06/09/2013 09:38:41
Dovrebbe essere questa:

http://www.subito...499312.htm
Wink
#4 | bob91180 il 06/09/2013 10:07:27
Quando ero bambino dalle mie parti ne circolavano alcune , vettura robusta e con buona abitabilita' e grande bagagliaio ...
#5 | Flat six il 06/09/2013 12:58:06
pazzesca a dir poco
#6 | Spinterogeno Ghisolfa il 06/09/2013 14:29:20
Non è detto che sia impossibile il restauro vista la rarità. Per combinazione lo scorso anno sono stato spettatore della vicenda di recupero di una Ford Osi, che neanche a farlo apposta era parcheggiata nel medesimo garage dove parcheggio la mia "moderna". Ebbene si trovava nelle medesime condizioni, e per caso, il sabato mattina di una giornata qualunque di un inverno uggioso milanese, sono arrivati due ragazzi francesi con rimorchio trainato da una fiammante Range Rover, i quali a detta del proprietario hanno sborsato una cifra notevole per accapararsi quell'esemplare. Ricordo ancora adesso la soddisfazione di quei ragazzi, ed è bello sapere che ci sono ancora degli appassionati disposti ad avventurarsi in restauri dispendiosi, abbandonando qualsiasi istanza di carattere razionale.
#7 | Enea il 06/09/2013 14:37:44
Grazie a tutti! Smile

L'Anglia che vedete in foto è peraltro proprio quella dell'annuncio, come evidenziato da Guerfranc76. Wink
#8 | gabford il 06/09/2013 17:03:58
Ogni giorno una sorpresa su questo sito nghenghe
Complimenti per l'avvistamento claps
#9 | 1600 GT il 06/09/2013 18:00:54
Pazzesco!!! ShockShockShock
Certo che ci sono degli avvistamenti che hanno a dir poco dell'incredibile su questo sito!!! Complimenti per l'avvistamento con i fiocchi Enea claps
#10 | peppecantarella il 06/09/2013 19:52:20
Quanti ricordi ... l'Anglia Torino è stata una delle automobili della mia famiglia, bianca, l'aveva comprata mio Padre sul finire degli anni '60, poi lasciata in permuta nel 1972 per la mitica Escort 1300 Sport di cui tante volte ho già raccontato
#11 | MarioCX il 10/09/2013 12:49:25
Markino sei di Genova? Io lavoro nei pressi della Fiumara!
L'ultima Anglia Torino l'avrò vista 40 anni fa!
#12 | gian masini il 10/09/2013 23:59:45
Le Anglia hanno avuto una discreta notorietà, e diffusione, nei primi anni '60, in un'Italia dove spopolavano le 600 e le 750, qualche, rara, Alfa Romeo Dauphine e le prime Simca 1000. La versione della foto, disegnata da Michelotti, durò pochi anni e senza scatenare particolari entusiasmi, anche per il prezzo non più concorrenziale come quello della versione originale inglese. Gravata oltre che dal dazio anche dal fatto che l'Inghilterra non era entrata nel Mec, pagando quindi ulteriori gabelle.
#13 | gian masini il 11/09/2013 00:02:01
Dimenticavo: mi sembra ce ne sia una, bella, in vendita da tempo a cifra religiosa, da cercare su AutoScout 24.
@MarioCX: a Genova ci sono molti bei mezzi. Nascosti.
#14 | blackboxes66 il 11/09/2013 09:38:56
Ma l'Anglia Torino non era prodotta in Italia dalla OSI?
#15 | maxtrave il 15/12/2014 00:19:46
E' attualmente in vendita a euro 400


http://www.subito...htm?last=1
#16 | mikitiki94 il 15/12/2014 17:28:35
Peccato che abbia perso le targhe originali, speriamo che almeno il resto della macchina si salvi.
#17 | 1600 GT il 15/12/2014 18:11:32
Beh...certo il restauro è impegnativo, ma credo che trovi facilmente qualche appassionato.
#18 | Markino il 15/12/2014 18:22:46
credo che trovi facilmente qualche appassionato.

Sicuro, si stanno già picchiando per accaparrarsene i brandelli di ruggine Grin
#19 | mikitiki94 il 15/12/2014 22:30:41
Purtroppo il modello è raro, ma i collezionisti interessati sono ancora più rari.
#20 | Markino il 15/12/2014 22:40:27
Aggiungerei due cosette da nulla: cade a pezzi e forse è stata pure radiata.
#21 | 1600 GT il 15/12/2014 22:49:51
Ma ancor più sciocchezza il fatto che costerà 600 euro e rotti reimmatricolarla e ridocumentarla solo per quello.
Oltre al resto(non reperibilità dei pezzi, fondamenta andate, ruggine su ogni dove ecc....)si intende.
#22 | mikitiki94 il 19/12/2014 16:13:30
A questo punto il destino più roseo è quello di fare da donatrice per un altro esemplare messo un po' meglio.
#23 | svalvolatogiallorosso il 14/06/2015 01:12:35
Si vabbe' ! Che senso ha la riconsegna dei documenti per poi metterla in vendita?(!)
I 30 anni di vita li ha compiuti,e se resta in zona privata non e' soggetta ad alcuna tassa.
Lo so, e' malridotta,non rientra nel giro delle mode come puo' esserlo per esempio una 500 o una Vespa (si trovano in rete annunci di esemplari in condizioni orrende,sembrano disseppellite, e vendute a prezzi osceni),tuttavia l'alternativa alla pressa e' sempre dietro l'angolo,e ad un possibile acquirente, appassionato e nostalgico del modello,ed in possesso dei mezzi adeguati per il ripristino, la possibilita' di ottenerla con i documenti originali puo' solo essere una soddisfazione.
BAAH !
Scrivi commento
Per scrivere un commento devi essere registrato